Cuvage Asti DOCG “Acquesi” è il campione mondiale degli aromatici

Stefano Ricagno Premiazione Cuvage_ pic by smstudio

Cuvage si aggiudica il titolo di Campione Mondiale degli spumanti aromatici al concorso Champagne & Sparkling Wine World Championships di Londra.

Il famoso concorso internazionale fondato da Tom Stevenson, autorità leader al mondo per lo champagne e le bollicine.

Cuvage Asti DOCG "Acquesi"Cuvage, cantina piemontese fondata ad Acqui Terme nel 2011, punta sui vitigni autoctoni per esaltare un terroir unico e una tradizione storica come quella delle bollicine.

L’Asti DOCG “Acquesi” fa parte della linea di territorio che l’azienda Cuvage dedica alla città di Acqui Terme.

Prodotto da una accurata selezione di uve di Moscato bianco, coltivate nei terreni marneo-calcarei della catena collinare che si estende dalla zona di Acqui fino a Cossano Belbo.

Realizzato con il Metodo Martinotti lungo con affinamento minimo di quattro mesi in autoclave, è uno spumante dal colore giallo paglierino, dal profumo fresco e varietale con sentori di fiori bianchi, pesche e scorza di agrumi dove l’arancio fa da padrone.

Ottimo da gustare con un accompagnamento classico, ma che si può permettere di accostarsi ad abbinamenti fuori dal coro come ad esempio affettati sapidi e pesce, come consigliato dall’enologo Loris Gava.

Conquistando il palcoscenico di Londra, che ha eletto l’aromatico di Cuvage numero uno al mondo nella categoria delle bollicine aromatiche, l’Asti DOCG “Acquesi” porta in alto il prestigio dell’arte spumantiera piemontese.

“E’ un onore ricevere questo premio, che rappresenta un grande riconoscimento oltre che per la nostra azienda anche per l’intero territorio piemontese e per l’Italia. Un tributo a una denominazione antica che oggi merita di essere rilanciata.” Alfeo Martini, fondatore e presidente del gruppo Mondodelvino.

“Live Show Sparkling Night” tenutosi lo scorso 4 novembre, presso il ristorante Alchimia  in Viale Premuda 34 Milano, organizzato dalla casa spumantiera del gruppo Mondodelvino SPA, è stato un appuntamento alla scoperta dei vini prodotti da Cuvage.

Un evento nell’evento che ha permesso di seguire in diretta live da Londra, Milano e Priocca la proclamazione dei vincitori della celebre competizione internazionale, grazie alla collaborazione degli amici di Cantina Social.

Inaugurata con una Masterclass sul “Re degli aromatici del Piemonte”, guidata da Paolo Massobrio in collaborazione con l’enologo Loris Gava, la serata dedicata a Cuvage è proseguita con una cena degustazione con i migliori spumanti della cantina.

Per quattro anni consecutivi i vini di Cuvage sono stati degustati e premiati da Tom Stevenson, coronando con l’edizione 2019 una vittoria importante.

Quest’anno infatti il Cuvage Asti DOCG “Acquesi” si è aggiudicato ben tre premi: Best in Class Asti Dolce, Best Asti e World Champion Sparkling Aromatic, premio che per la prima volta in assoluto viene assegnato in questa categoria.

Questo premio ci fa sempre più capire l’importanza del settore vinicolo Italiano nel mondo e quanto sia sbagliato rimanere legati a idealismi del passato.

Il Moscato Bianco che nell’immaginario viene associato al tipico sodalizio natalizio “bottiglia e panettone” è in realtà un grande vitigno con sfumature incredibili e che si presta ad abbinamenti non convenzionali e scontati.

Resta solo che complimentarsi con “la squadra” Cuvage per gli ottimi risultati raggiunti.

Voglio chiudere il post con una frase detta durante la masterclass dall’enologo Gava che definisce il Moscato Bianco un vitigno straordinario.

“Il Moscato se lo bevi col panettone non vale…!”

Leggi anche:

Nel Roero il primo spazio wine experience d’italia (qui)

Dilaga la “febbre” del vino, la Milano wine week cattura il pubblico italiano e straniero (qui)

Cuvage (qui)