Dilaga la “febbre” del vino, la Milano Wine Week cattura il pubblico italiano e straniero

Di 23 ottobre 2019Lombardia, Magazine
MWW_citilife_Brindisi_Pic by Visual Crew Milano Wine Week

Si è conclusa il 14 ottobre la seconda edizione della Milano Wine Week, registrando apprezzamenti e numeri da capogiro.

Gordini, Gaja e Ferraro pic by Visual Crew Milano Wine WeekPiù di 300.000 presenze, con un incremento del 30% del pubblico straniero rispetto all’edizione zero del 2018 della kermesse milanese dedicata a tutte le sfumature del vino. 

Il format dell’Associazione Milano Wine Week, prodotto da Lievita S.R.L. società di SG Company S.p.A, ha registrato un grandissimo successo. 

Una vera “bomba” sia in termini di eventi, oltre 300 distribuiti nell’arco di otto giorni, sia per la partecipazione del pubblico.

Milano Wine Week “due” ha visto l’intero coinvolgimento di tutta la città, che dal sei al tredici di ottobre è riuscita a ospitare una delle più importanti manifestazioni nazionali del settore.

Le oltre mille aziende e i cinquanta consorzi partecipanti hanno lavorato con un focus attento all’evoluzione comunicativa del settore, alle nuove generazioni di consumatori, agli addetti ai lavori e alle importanti risorse del turismo vinicolo.

“La manifestazione – dichiara con soddisfazione Federico Gordini, Presidente di Milano Wine Week – ha confermato dei risultati straordinari sia nei tanti momenti dedicato al pubblico business sia per le attività riservate al pubblico consumatore, con una crescita molto significativa in entrambe le direzioni. Questa seconda edizione ha trasformato la manifestazione in una vera e propria piattaforma di contenuti, che guarda a una dimensione internazionale, esattamente come tutte le altre Settimane milanesi”

Una settimana impegnativa per gli organizzatori, che già dal brindisi inaugurale tenutosi sabato cinque ottobre a CityLife, hanno visto la partecipazione di mille persone in più rispetto alla Milano Wine Week 2018, distribuendo oltre 4000 mila calici e gettando le basi per il successo dell’evento.

Nel corso della settimana successiva sono stati attivati sei Wine District, distribuiti all’interno di Milano seguendo il funzionante modello di “Fuorisalone”, abbinando a ogni quartiere un consorzio vinicolo.

Per aiutare i professionisti, gli appassionati e i turisti a orientarsi sono stati installati totem, bandiere e vetrofanie oltre ad aver distribuito circa centomila guide cartacee in corrispondenza delle metro, dei locali aderenti e nel corso degli eventi.

Tutto questo a dimostrazione di come la macchina organizzativa si stia consolidando e lavori con prospettive volte al futuro.

Milano Wine Week ha visto un susseguirsi di eventi B2B per operatori dove vogliamo ricordare la seconda edizione del Wine Business Forum, una giornata di riflessioni nell’ambito del vino italiano diviso in cinque tavoli tematici e moderati da cento selezionatissimi esperti da tutto il mondo.

Durante i numerosi eventi per il pubblico che si sono divisi tra degustazioni, masterclass e cene esclusive, vogliamo ricordare l’evento tenutosi il dodici ottobre da Cantina Urbana, che ha festeggiato il suo primo anniversario con un grande party di fine vendemmia.

Una realtà milanese del tutto innovativa che afferma come la “la febbre del vino” stia contagiando una città che fin oggi è conosciuta per la moda e per l’arte ma che anche nel settore enogastronomico ha tutte le carte in regola.

A tal proposito il 17 ottobre presso l’Emporio Armani Ristorante è stato presentato il primo Members Club Italiano dedicato agli amanti del vino.

Milano Wine Club è stato ideato da Federico Gordini presidente di Milano Wine Week, con la collaborazione di Andrea Grignaffini, curatore della Guida dei Vini de L’Espresso, Luciano Ferraro, firma del vino del Corriere della Sera, Orazio Vagnozzi, collezionista e degustatore, e il team di WineTip. 

Distributori vinicoli e commercianti milanesi hanno quindi dato vita a un progetto che rappresenta un’assoluta novità nel panorama italiano. 

Le esperienze del Club saranno affiancate alla collaborazione di un selezionatissimo gruppo di produttori vinicoli.

“Per il futuro – conclude il Presidente Gordini – siamo pronti a fare un ulteriore salto di qualità. Milano Wine Week ha dimostrato di avere le carte in regola per diventare davvero una grande manifestazione internazionale. Se questo accadrà, sarà per la nostra capacità di continuare a fare sistema con altre realtà, altri progetti, altre figure-chiave del mondo del vino. Milano Wine Week è un luogo in cui il mondo del vino deve imparare a superare gli individualismi e le lotte di quartiere. In un momento in cui anche i nostri cugini d’Oltralpe stanno dimostrando una forte frammentazione dal punto di vita degli eventi e delle fiere del vino, noi dobbiamo dimostrare che Milano è la città giusta dove riunirci una volta all’anno nel rispetto delle singole identità”.

Una settimana impegnativa ricca di appuntamenti conoscenze e piacevoli scoperte.

Eventi come Milano Wine Week vocati alla promozione e alla valorizzazione del panorama vitivinicolo italiano, aiutano a creare una sinergia tra produttori, addetti ai lavori appassionati e consumatori, riportando alla scoperta di un mondo che sotto alcuni versi è complice di un retaggio vecchio e mal comunicato, considerato ancora oggi “elitario”.

Un’occasione importantissima per il territorio, il commercio, per il turismo e il rilancio di un settore economico del un paese. 

Leggi anche:

Riviera Ligure di Ponente valorizzata dall’associazione Vite in Riviera (qui)

Nel Roero il primo spazio Wine Experience d’Italia (qui)

Milano Wine Week (qui)