Sassicaia 2015 lo avete? questa la domanda più frequente

Di 16 gennaio 2019Magazine, Toscana
Sassicaia 2015

Lavorando in enoteca è la domanda che mi riecheggia da mesi nelle orecchie è: Sassicaia 2015 lo avete?

Premesso che «no, lo abbiano finito»; da quando Wine Spectator lo ha nominato  quando Wine Spectator lo ha nominato vino dell’anno tutti ne parlano e tutti lo vogliono ed il prezzo è lievitato da 150 a 300 euro.

Ne varrà veramente la pena?

Io Sassicaia 2015 non l’ho ancora provato e non posso dirlo, però…

La lista dei top 100 proposta dalla rivista americana è interessante.

Molte new entry e tante tipologie diverse per tutte le tasche, diversa da quella che mi aspettavo ma resto diffidente di fronte a questa operazione ben riuscita.

Il prezzo è infatti raddoppiato, il vino sparito.

Persone che fino all’altro ieri si dichiaravano astemie, improvvisamente sono collezioniste di annate storiche… ma che sarà mai?

In fin dei conti è solo l’ennesimo vino fatto da-e-per tecnici che godono nell’aver sempre le stesse sensazioni nel bicchiere: frutti neri, spezie, colore impenetrabile e che riempia per bene la bocca mi raccomando!

Il colore impenetrabile

Quindi non mi fido, e di acquistarlo per berlo non se ne parla… ho gusti diversi.

Forse potrei allinearmi col pensiero comune secondo cui è un incredibile investimento a lungo termine.

Indubbiamente se avessi comprato qualche cassa a giugno ora potrei dire di aver fatto un affare.

il vino come valore di mercato funziona, lo stiamo vedendo (fatevi un giro su liv-ex.com per averne un’idea).

Se da un lato è un bene avere i vini italiani al top di queste classifiche perché creano posti di lavoro e trascinano la nostra economia, dall’altro è triste assistere a questa trasformazione; la mercificazione di qualcosa che è molto più del valore che ha appeso al collo,

Due annate di Sassicaia 2015

Due annate di Sassicaia

Sarò banale ma preferisco cercare qualcosa di più vero.

I miei complimenti a Tenuta San Guido che ha raggiunto un importante obiettivo, al lettore resti il dubbio su quale esso sia.

Leggi anche:

Dai vini naturali a vini di vignaioli di Fornovo (qui)

ViVIte il festival del vino cooperativo (qui)

FIVI e il mercato dei vini di Piacenza (qui)